L’Etiopia è un Paese affascinante che offre tanti angoli incontaminati da visitare.

 

Il lago di Wenchi

A 40 chilometri da Wolisso, seguendo una strada sterrata, che richiede un fuoristrada, si trova il lago vulcanico di Wenchi. Un vulcano spento è diventato sede di uno dei laghi più belle e meno conosciuti dell’Etiopia, tanto che non si trovano ne ristoranti ne alberghi, è per questo necessario partire con il pranzo al sacco.

Il punto più alto è a 3.280 metri slm, ma le bellezze naturali innumerevoli, molto interessanti dei mulini le quali macine sono azionate dalla caduta dell’acqua.

Lago di Wenchi P1040617 P1040627 P1040628 P1040635 P1040636 P1040641 P1040642 P1040646 P1040647 P1040649 P1040650 P1040651 P1040655 P1040658 P1040663 P1040676 P1040678 P1040680 P1040681 P1040683 P1040685 P1040693

 

 

Il parco nazionale dei monti Bale

In questo parco sono state avvistate più di 60 specie di mammiferi e 260 specie di uccelli. Il parco si estende per circa 2.400 kmq tra i 1.500 ed i 4.377 metri di altitudine. La scarpata di Harenna lo divide in due parti. A nord-est della scarpata si trova l’altopiano di Sanetti a 4.000 metri di altitudine dove la cima più alta è il Tulu Dimtu che svetta a 4.377 metri slm.

A sud l’altopiano degrada progressivamente conducendo ad una serie di fitti boschi noti nel complesso come foresta di Harenna.

Il lago Zwai 

Il lago Zwai è il più esteso di quelli della Rift Valley con 425 kmq di superficie.

Rinomato per la grande quantità di uccelli presenti: pellicani bianchi, uccelli martello, ibis sacri, aquile pescatrici, cormorani ed il poco attraente marabù.

Non manca la possibilità di incontrare qualche piccolo gruppo di ippopotami.

Il parco nazionale dei laghi Abiata e Shala.

Il parco prende il nome dai due laghi che occupano gran parte della superficie del parco. Il lago Shalla che copre una superficie di 410 kmq raggiunge una profondità massima di 260 metri, mentre l’Abiata non supera i 14 metri.

Interessante avvistare le miriadi di fenicotteri rosa e baganarsi le dita della mano nelle sorgendi di acqua sulfurea, talmente calda che i locali usano cucinare le patate.

Il parco di Awash

Il parco prende il nome dall’omonimo fiume, il più lungo dell’Etiopia.

I punti più belli sono le cascate sul fiume molto vicine all’entrata principale e le sorgenti di acqua calda che formano un piccolo lago circondato da innumerevoli palme.

Riserva naturale di Senkele

Pochi animali, ma una flora bellissima ed unica fatta di boschi di acacia e fiori bellissimi 

La Chiesa di San Raguele sui monti Entoto

I monti Entono sono una catena montuosa che sorge a 3.000 metri di altitudine a nord di Addis Abeba. E’ qui che Menelik II ha fondato la città di Addis Abeba alla fine del XIX secolo.

Qui anche sono state costruite le prime Chiese ortodosse di Addis Abeba, una delle quali dedicata a San Raguele.

La foresta di Meneghescia

A pochi chilometri da Addis Abeba, verso sud est, sul monte Wuchacha, si trova la foresta di Meneghescia, che offre la flora caratteristica etiope senza la contaminazione dell’eucalito.

Il punto più alto è la cima del monte a 3.380 metri slm, spesso durante le passeggiate è possibile avvistare branchi di facoceri.

 

 


Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*